SPAZI E GIOVANI OGGI
Nel seminario formativo riflessioni sul potenziale educativo dei “non-luoghi”

Lunedì 10 Maggio si è tenuto in diretta streaming il seminario formativo “Spazi e Giovani oggi”. L’incontro ha provato a rispondere ad alcune domande quali: Come hanno vissuto i giovani durante la pandemia? Come vivono adesso? Quale futuro si prospetta per loro?

L’evento si inserisce all’interno del progetto S.P.A.C.E – Studenti Pendolari Acquisiscono Competenze Educative, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del “Fondo per il contrasto della Povertà educativa minorile” e realizzato da We World assieme ad una rete nazionale di organizzazioni (Comunica Sociale, Fondazione Somaschi, Associazione Grazie Don Bosco, Cooperativa Sociale Terremondo, Cooperativa BeFree, Arcoiris, Cooperativa Exmè & affini)  presenti in 6 regioni: Campania, Abruzzo, Liguria, Piemonte, Sardegna e Lombardia.

Il progetto SPACE intende attrezzare educativamente i luoghi e rafforzare e coinvolgere la comunità educante per contrastare la dispersione scolastica, creando occasioni di crescita negli spazi interstiziali, negli spazi considerati ordinariamente “vuoti”.

Tra gli interventi al seminario, Ciro Pizzo, sociologo docente dell’UNISOB – Univ. Suor Orsola Benincasa di Napoli, ha presentato il report sulle abitudini e i luoghi di frequentazione dei giovani dell’area metropolitana tra Napoli Nord e Caserta Sud, nel quale si evince come anche in questo territorio il percorso educativo di ragazzi e ragazze si verifica sempre più anche al di fuori degli spazi istituzionali.

A seguire Pasqualino Costanzo, responsabile del progetto in Campania per l’ass. Comunica Sociale, ha spiegato che il progetto SPACE si propone di agire proprio in quei “non luoghi” per creare presidi educativi e ha sottolineato come sia necessario esplorare questo movimento in concerto con le istituzioni scolastiche, l’amministrazione, le associazioni e gli enti.

Con Mariella Alfano, docente di riferimento dell’ISIS G. Filangieri di Frattamaggiore (Na), si è ragionato sullo spazio sportivo C.S.P. Rossini di Frattamaggiore, sulla possibilità di utilizzo della struttura in concerto con l’Istituto e con il gruppo che attualmente lo gestisce.

Lo stesso nel caso di altri spazi pubblici inutilizzati, si è concordato con Carmela Sannino, Dirigente Cultura del Comune di Cardito (Na) e Maria Saviano, Ass. alle Politiche Giovanili del Comune di Cardito (Na) di favorire la sinergia con le amministrazioni del territorio con lo scopo di offrire ai giovani studenti spazi di socialità positiva.

A chiudere gli interventi, Stefano Piziali, Responsabile Advocacy e Programma Italia di We World, ha ricordato la dimensione nazionale del progetto SPACE e l’impegno delle organizzazioni coinvolte nell’offrire opportunità di crescita in tutti i territori. Questi spazi vuoti, o normalmente svuotati di senso nella considerazione generale possono trasformarsi in occasioni educative, abituando i giovani a guardare meglio l’ambiente in cui abitano e a immaginarne la trasformazione e un aumento di significatività.

Per approfondimenti: https://www.comunicasociale.eu/index.php/promozione-culturale/space/ 
Per rivedere la diretta: https://www.facebook.com/Comunicasociale